Prof. Mauro Porta: “GONDOLA® apporta miglioramenti significativi al Freezing”

Il Freezing  è il termine in inglese per indicare il blocco motorio: uno dei disturbi più invalidanti e per certi versi più pericoloso che il paziente possa presentare. In fase tardiva è presente almeno in 70-80% dei pazienti e spessissimo questo disturbo provoca cadute.

Gli effetti dei farmaci

I farmaci, impiegati nel trattamento di tale disturbo, comportano in alcuni casi degli effetti collaterali come le discinesie e le distonie, movimenti più o meno rapidi che sono assai invalidanti.

La terapia GONDOLA®

GONDOLA® applica una terapia meccanica e quindi più fisiologica che non va a modificare l’equilibrio che l’organismo vuole mantenere, non provocando quindi effetti collaterali.

Il Professore Mauro Porta, Responsabile del Centro Malattie Extrapiramidali dell’IRCCS Galeazzi di Milano, spiega:

«La domanda che si può fare è basta un solo approccio terapeutico? Ma no, così come la malattia ha molte sfaccettature, anche le terapie hanno molte sfaccettature e un trattamento non deve ignorare l’altro. Se io mi ostino a trattare aumentando la quantità di farmaci o l’entità della stimolazione cerebrale profonda rischio di provocare effetti collaterali senza ottenere dei buoni risultati clinici»

Gli effetti sul Freezing della marcia

Grazie a GONDOLA® si ottiene un ulteriore e significativo miglioramento su sintomi del paziente parkinsoniano che non sono altrimenti gestibili, come appunto il Freezing della marcia.

Il professore Porta conclude:

«Quindi il mio approccio deve essere polimodale e multimodale, deve essere aperto ad ogni innovazione terapeutica e senz’altro GONDOLA® rappresenta un’assai significativa, assai interessante innovazione terapeutica.»

New website's coming soon, leave your email to be updated