“Tu non mi lascerai mai sola”, la mostra che mostra il Parkinson giovanile

“Tu non mi lascerai mai sola”, la mostra che mostra il Parkinson giovanile

È stata inaugurata il 1 Marzo 2018 la mostra fotografica “Tu non mi lascerai mai sola“, che si tiene presso l’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi a Milano. Protagonisti degli scatti dell’artista Swan Bergman sono Francesca Cavalli e il Parkinson.

Una mostra per parlare di Parkinson

Francesca ha 48 anni e convive già da 7 anni con il Parkinson, rientra nei sempre più numerosi casi di Parkinson giovanile. Non a tutti i farmaci danno gli stessi benefici, infatti a Francesca davano molti effetti collaterali, questo l’ha portata a considerare la stimolazione cerebrale profonda (DBS), operazione a cui ha deciso di sottoporsi.

“Prima il parkinson poi la stimolazione cerebrale profonda (DBS) hanno cambiato profondamente il mio modo di percepire la vita. Non sono quella di prima della diagnosi, né quella prima della DBS, non so esattamente chi sono ora, né cosa farò, lo devo ancora scoprire”

Francesca e Swan si sono incontrati in un periodo cruciale, quando la malattia stava prendendo il sopravvento sul suo corpo, aveva bisogno di parlare della malattia, trovare un modo per esprimere la sofferenza che stava provando. Swan gli ha quindi proposto di fare un servizio fotografico.

«Lui, con il suo tatto, ha voluto farmi un regalo e per un giorno mi sono sentita una bellissima modella. Quel giorno il Parkinson non era una limitazione, ma qualcosa che mi rendeva speciale. Mi piacerebbe che tutti riuscissero a cogliere l’emozione e la gioia che ho provato quel giorno, quanto il dolore della malattia».

Un progetto in crescita

La mostra, composta da 20 scatti, è esposta all’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi a Milano fino al 31 marzo 2018, è possibile visitarla gratuitamente dalle ore 8.30 – 17.30.
Successivamente la mostra si sposterà a Locarno.

«Molti mi hanno chiesto perché queste fotografie? Che senso hanno con la malattia di Parkinson? Io ho risposto perché no… io ho il Parkinson e credo che questo basti».

New website's coming soon, leave your email to be updated