Presentato un nuovo studio multicentrico sull’efficacia di GONDOLA®

Presentato un nuovo studio multicentrico sull’efficacia di GONDOLA®

Durante l’ultimo Congresso Internazionale della Movement Disorders Society tenutosi a Berlino dal 19 al 23 giugno, ampio spazio è stato dato al trattamento non farmacologico dei sintomi della malattia, che includono approcci cognitivi e comportamentali e le terapie basate su trattamenti riabilitativi.

In quest’ultima categoria ricade anche il trattamento AMPS (Automated Mechanical Peripheral Stimulation o Stimolazione Meccanica Automatica Periferica) erogato dal dispositivo medico GONDOLA®.

All’interno della sezione “Parkinson’s Disease: Clinical Trials, Pharmacology and Treatment” del Congresso è stato presentato un abstract relativo a uno studio clinico multicentrico, tuttora in corso, sviluppato presso gli ospedali San Bortolo di Vicenza e Santa Chiara di Trento, con la partecipazione dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Lo studio aveva lo scopo di indagare gli effetti di una stimolazione sui pazienti in stato avanzato di malattia. ( leggi  )

I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi: uno ha ricevuto una stimolazione efficace mentre il secondo ha ricevuto una stimolazione placebo. Gli effetti sono stati monitorati in fase acuta (subito dopo la stimolazione), dopo 3 giorni e dopo 7 giorni utilizzando il test Timed Up and Go e con UPDRS III. La stimolazione e la misurazione sono state entrambe effettuate in stato di off farmacologico.

I dati presentati mostrano un incremento nel punteggio della sezione motoria della scala internazionale di valutazione del Parkinson (UPDRS III) per i pazienti che hanno ricevuto il trattamento efficace, con un picco di beneficio a tre giorni dalla somministrazione della terapia e benefici residui anche ad una settimana dal trattamento. Al contrario, non si rilevano benefici a tre giorni ed a sette giorni di distanza dal trattamento per i pazienti che hanno ricevuto il trattamento placebo.

Lo studio è ancora in corso, in attesa di coinvolgere altri pazienti, qui un estratto

New website's coming soon, leave your email to be updated