Medicina Amica: nuova terapia per i disturbi motori del Parkinson

Medicina Amica: nuova terapia per i disturbi motori del Parkinson

Mercoledì 14 novembre, siamo tornati a Telecolor questa volta ospiti nella puntata di Medicina Amica per parlare di Parkinson e delle novità della terapia GONDOLA.

Parkinson e Parkinsonismi

A maggio e giugno scorsi il dottor Tassin era stato ospite del programma Box Salute e si era parlato di come la malattia di Parkinson fosse debilitante e colpisse sempre più persone, anche molto giovani. Solo in Italia sono 350mila le persone affette da questo disturbo.

È conosciuta principalmente come la malattia del tremore, ma in realtà i sintomi più problematici sono quelli che coinvolgono il movimento, il cammino: Freezing della marcia, blocco motorio, rallentamenti, disturbi dell’equilibrio. E questi sono anche sintomi che in stato avanzato non riescono più a essere gestiti con i farmaci.

La maggior parte dei pazienti con l’avanzare della malattia tende a perdere così la propria indipendenza e avere di conseguenza costante bisogno di assistenza, il Parkinson è perciò anche chiamata malattia della famiglia, perché non colpisce solo i pazienti ma l’intero nucleo famigliare.

La nuova versione: GONDOLA 2.0

GONDOLA è un dispositivo aiuta in questo senso sia il paziente che la famiglia, ridando indipendenza al parkinsoniano.

GONDOLA infatti agisce su quei sintomi che in fase avanzata non rispondono più ai farmaci, quindi abbinare ai farmaci la terapia con GONDOLA porta a un ottimo miglioramento con conseguente miglioramento anche della qualità di vita.

Il trattamento, come si è già visto nelle altre puntate, consiste in una stimolazione di due punti del piede che mandano un impulso al cervello attivando un’area coinvolta nel cammino.
I ricercatori ci hanno messo anni a trovare la stimolazione efficace, molto importanti infatti sono il tempo con cui avviene, il diametro, la sequenza e l’intensità di stimolazione.

In aggiunta in questa puntata si è parlato di GONDOLA 2.0, la nuova versione del dispositivo in uscita in questi giorni.

GONDOLA 2.0 vuole ulteriormente migliorare l’esperienza dell’utilizzo del dispostivo. Il nuovo dispositivo infatti potrà essere usato dai pazienti interamente da soli senza l’utilizzo di un famigliare o caregiver.

Guarda l’intervista e scopri tutte le novità di GONDOLA 2.0

New website's coming soon, leave your email to be updated