L’esercizio regolare ad alta intensità può rallentare i sintomi motori del Parkinson

L’esercizio regolare ad alta intensità può rallentare i sintomi motori del Parkinson

Il morbo di Parkinson è un disturbo del sistema motorio neurodegenerativo caratterizzato da tremore incontrollato in varie parti del corpo, in particolare le braccia e le gambe, nonché uno scarso equilibrio e coordinazione dei movimenti.

Negli Stati Uniti, circa 1 milione di persone vive con il morbo di Parkinson e circa 60.000 nuovi casi vengono diagnosticati ogni anno, secondo i dati della Biblioteca Nazionale di Medicina degli Stati Uniti del National Institutes of Health (NIH).

SPARX (Study in Parkinson Disease of Exercise)

Uno studio clinico in fase II, chiamato Studio di malattia di Parkinson (SPARX), è stato recentemente condotto da ricercatori della Northwestern University di Feinberg School of Medicine a Chicago, IL, e dall’Università del Colorado a Denver.

Le loro scoperte suggeriscono che l’esercizio fisico ad alta intensità è benefico per le persone con malattia di Parkinson in fase iniziale, poiché può ritardare la progressione dei sintomi correlati alle capacità motorie.

Se si soffre del morbo di Parkinson e si desidera ritardare la progressione dei sintomi, è necessario esercitarsi tre volte alla settimana con una frequenza cardiaca compresa tra l’80% e l’85% massimo. È così semplice.

L’autore dello studio è il Dott. Daniel Corcos, Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University e i risultati sono stati pubblicati su JAMA Neurology.

L’intervento precoce può ritardare i sintomi

Gli autori citano ricerche precedenti che hanno dimostrato che i farmaci usati per trattare il Parkinson tendono ad essere meno efficaci nel tempo e che espongono le persone ad effetti collaterali.

Per questo motivo, dicono, è importante identificare trattamenti alternativi efficaci che non comportino la somministrazione di farmaci.

Nella fase II dell’attuale trial clinico randomizzato, il Dott. Corcos e il suo team hanno lavorato con 128 partecipanti di età compresa tra i 40 e gli 80 anni.

I partecipanti sono stati reclutati attraverso varie istituzioni e centri medici in tre stati (Colorado, Illinois e Pennsylvania).

Chi ha partecipato allo studio

Le istituzioni includevano la Northwestern University di Chicago, IL, il Rush University Medical Center di Chicago, IL, l’Università del Colorado a Denver e l’Università di Pittsburgh in Pennsylvania.

Tutti i partecipanti erano ancora in una fase precoce del morbo di Parkinson e non stavano assumendo farmaci per i sintomi di questa malattia quando lo studio è stato condotto, perché il dott. Corcos suggerisce:

Prima si interviene nella malattia, più è probabile che si possa prevenire la progressione della malattia

Come influisce l’attività fisica sul decorso della malattia di Parkinson?

Il processo ha confrontato gli effetti dell’esercizio moderato e ad alta intensità. Più specificamente, ha studiato gli effetti di una routine di attività fisica sulla progressione dei sintomi della malattia. I ricercatori hanno anche esaminato il modo in cui l’esercizio sicuro era nella fase iniziale del morbo di Parkinson.

Tutti i partecipanti hanno dovuto esercitarsi 3 volte al giorno per 6 mesi

Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di esercitarsi tre volte alla settimana per un periodo di 6 mesi a livello moderato (caratterizzato da una frequenza cardiaca massima del 60-65%) o ad alta intensità (definita come frequenza cardiaca massima dell’80-85%). Tutti i partecipanti si sono esercitati su un tapis roulant.

Per coerenza, gli scienziati hanno anche fatto riferimento a un gruppo di controllo che non ha praticato esercizio fisico.

Dopo il programma, tutti i partecipanti sono stati valutati su una scala pertinente da 0 a 108, misurando la gravità dei loro sintomi. Punteggi più alti indicavano manifestazioni più acute della malattia.

Cosa ha rilevato lo studio dopo soli 6 mesi?

Prima dell’inizio della sperimentazione, tutti avevano misurato un punteggio di circa 20. Tuttavia, i risultati differivano dopo il periodo di 6 mesi e le differenze erano dettate dall’intensità degli allenamenti dei partecipanti.

Mentre i partecipanti impegnati in esercizi ad alta intensità hanno continuato a segnare circa 20 sulla scala della gravità dei sintomi, quelli che avevano praticato l’esercizio di intensità moderata hanno mostrato sintomi peggiorati e hanno ottenuto 1,5 punti in più.

Nel frattempo, quelli che non hanno esercitato hanno segnato tre punti in più, indicando un peggioramento ancora più acuto dei sintomi.

Esercizio ad alta intensità più efficace

Secondo i ricercatori, la differenza di tre punti suggerisce una disparità significativa in termini di qualità della vita. Poiché l’esercizio ad alta intensità sembrava tenere sotto controllo lo sviluppo dei sintomi motori, l’attività fisica richiede ulteriori ricerche come potenziale trattamento per la malattia di Parkinson. Il dott. Corcos afferma:

Abbiamo ritardato il peggioramento dei sintomi per 6 mesi, se possiamo prevenire una progressione di più di 6 mesi richiederà ulteriori studi.

L’esercizio ad alta intensità è stato svolto in totale sicurezza attraverso esercizi graduati supervisionati dai cardiologi, che hanno monitorato quanto il regime fosse stressante per i cuori dei partecipanti.

“L’esercizio è una medicina”

I ricercatori riconoscono che il loro studio aveva alcune limitazioni, in particolare il fatto che l’unico tipo di esercizio studiato era l’allenamento su tapis roulant. Ciò significa che i potenziali benefici di altri tipi di esercizio rimangono sconosciuti.

Tuttavia, sottolineano che l’alto numero di partecipanti e il lungo periodo di tempo durante il quale sono stati osservati rafforzano la validità dei risultati. Il dott. Corcos spiega che la maggior parte degli studi sul Parkinson ha meno partecipanti e non supera le 12 settimane.

Abbiamo dato a loro [i partecipanti] un allenamento adeguato, non si tratta di un lieve allungamento”, afferma. “Questa è alta intensità, è parte dell’idea che l’esercizio sia una medicina.

Primo studio sui benefici dell’attività fisica che prende in considerazione diverse intensità di allenamento

Gli studi esistenti avevano già rilevato che l’esercizio era benefico per le persone con malattia di Parkinson, ma questa era la prima volta che gli effetti di diverse intensità erano stati presi in considerazione durante la ricerca. Il dott. Codrin Lungu, direttore del programma presso l’Istituto nazionale di disordini neurologici e ictus, commenta:

Diverse linee di evidenza indicano un effetto benefico dell’esercizio nel morbo di Parkinson. Tuttavia, non è chiaro quale tipo di esercizio sia più efficace: il processo SPARX cerca di affrontare rigorosamente questo problema, i risultati sono interessanti e giustificano un’ulteriore esplorazione dei regimi di allenamento ottimali per il Parkinson.

New website's coming soon, leave your email to be updated