11 Aprile: una giornata per la consapevolezza

11 Aprile: una giornata per la consapevolezza

L’11 Aprile è la Giornata Mondiale di Parkinson. Celebrata in onore della nascita di James Parkinson, primo medico a descrivere la malattia nel “Saggio sulla Paralisi Agitante“, ha lo scopo di aumentare la consapevolezza della malattia e promuovere una migliore comprensione di questa condizione e di come impatta sulla vita delle persone.

A seguito di un sondaggio effettuato nel 2009 dall’EPDA, l’Associazione Europea delle Associazioni dei Malati di Parkinson, si è riscontrato che più del 50% degli intervistati non era a conoscenza del fatto che il Parkinson è una malattia neurologica che interessa il movimento e che oltre il 75% nemmeno sapesse che il Freezing della marcia è un sintomo motorio fondamentale di questa malattia.

Una maggiore consapevolezza da parte dell’opinione pubblica può quindi aiutare a migliorare l’assistenza prestata ai malati e a ridurre lo stigma sociale. In questa occasione si svolgeranno varie manifestazioni in tutto il mondo.

Giornata Mondiale del Parkinson: gli eventi

Tra quelli in programma in Italia segnaliamo:

A Forlì il dott. Walter Neri, direttore dell’Unità Operativa di Neurologia dell’ospedale di Forlì, sarà moderatore di un dibattito tra Alberto Patuelli, Zaccarelli, Mattarelli, Duzha, la logopedista Lucia Lazzarini, Turrini , Roberta e Stefano Conte, Luca Proli.

I neurologi aggiorneranno i presenti sulle ultime novità della malattia, in collaborazione con altri professionisti che supportano le attività dell’Associazione La Rete Magicaonlus la quale è responsabile dell’evento. All’incontro parteciperà anche il noto comico Terenzio Traisci, “psicologo del buon umore”.

A San Marino, sabato 9 e domenica 10 aprile, la sala Polivalente di Serravalle ospiterà concerti serali il cui ricavato verrà interamente devoluto in beneficenza, per supportare la sezione Disturbi del movimento Parkinson l’Associazione Sammarinese di Geriatria e Gerontologia, responsabile di aver organizzato l’evento.

Sul palcoscenico si alterneranno due stili musicali diversi: il sabato sera si ballerà sulle note anni ’50 e ’60 del mitico Elvis Presley, la domenica invece sarà dedicata ad un excursus musicale che partendo dalla musica classica ci porterà ai nostri giorni.

Si spera che la Giornata Mondiale del Parkinson aiuterà a promuovere la tutela e l’assistenza alle persone con Parkinson e alle loro famiglie.